ranktrackr.net

 

       PerchŔ volare quando puoi navigare
Imposta VolainRete.it come pagina iniziale !Aggiungi questo sito ai preferiti

 

 

 Ti trovi su:  


        Spam

SpamLo spam l'arrivo di posta indesiderata, Ŕ in costante crescita, e se non si sta attenti ben presto ci si trova a dover passare buon tempo della giornata a eliminare email di posta indesiderata.

Vi sono degli accorgimenti da seguire per non “alimentare” chi pratica pratica spam. La lotta agli spammatori deve  essere fatta  a tutti i livelli.

Il bene pi¨ prezioso per uno spammer sono gli indirizzi di email. Nel proprio piccolo ogni utente pu˛ adottare piccoli accorgimenti per mascherare e rendere difficile il reperimento degli indirizzi email.

1.        Non diffondere il proprio indirizzo con leggerezza. Questo accorgimento va adottato specialmente quando ci si iscrive ai servizi di determinati siti. Fatevi delle email usa e getta che utilizzerete solo per l’iscrizione dei servizi a “rischio”.

2.        Utilizzare il CCN. Quando si invia una mail a molti destinatari Ŕ bene mascherare gli altri indirizzi alla vista di ogni singolo ricevente. Tutti i programmi di posta elettronica pi¨ diffusi offrono questa possibilitÓ. La visibilitÓ degli indirizzi multipli dipende dalla casella in cui questi indirizzi vengono inseriti. Sotto la casella Cc (che significa Carbon Copy = per conoscenza, modalitÓ da utilizzare SOLO si vuole far vedere a tutti i destinatari a chi si Ŕ inviato il messaggio) ne esiste un┤altra: in Eudora e in Netscape Communicator si chiama Bcc, in Microsoft Outlook in lingua italiana Ccn (Carbon Copy Nascosta). Inserendo gli indirizzi di posta elettronica in questa casella, ogni destinatario potrÓ vedere solo il proprio indirizzo e non quello degli altri.

3.        Non diffondere i cosiddetti "virus alerts" (i messaggi che mettono in guardia contro un nuovo virus). Da un lato questi possono rivelarsi degli ottimi sistemi per raccogliere indirizzi, non Ŕ tramite questi messaggi che si fermano le epidemie di virus su Internet. Inoltre i "virus alerts" sono di fatto dei messaggi di spam. Lo stesso vale per le catene di Sant’Antonio

4.        Mascherare sempre il proprio indirizzo quando si partecipa a un gruppo di discussione (Newsgroup). Una delle fonti principali di indirizzi email per gli spammer sono proprio i Newsgroup. Esistono infatti dei programmi chiamati "bot o robot" che automaticamente scaricano dai gruppi di discussione tutti gli indirizzi disponibili.

5.        Usare le regole di posta elettronica. Se non vuoi ricevere SPAM, puoi impostare sul tuo client di posta dei filtri specifici per quei determinati indirizzi che ti infastidiscono in particolar modo, scegliendo, ad esempio, di cancellare il messaggio o spostarlo in un apposita cartella precedentemente creata.
Alcuni programmi (ad esempio Outlook Express) prevedono la possibilitÓ di eliminare direttamente dal server i messaggi che rispondono a determinate condizioni, evitando in tal modo di dover scaricare messaggi indesiderati, risparmiando sui tempi di connessione. Potete anche usare anche dei programmi di filtraggio automatici (disponibili nella sezione Download).

6.        Non rispondere mai a un messaggio di spam con toni offensivi. Il risultato poterebbe essere una "mail bomb" (bomba postale) ovvero il recapito di migliaia di messaggi alla propria casella o una flame war ovvero una guerra di messaggi di insulti. In entrambi i casi il risultato Ŕ che la casella email risulterÓ inutilizzabile.

7.        Se proprio avete perso la battaglia, buttate la vostra casella email e fatene una nuova tenendo presente i consigli sopra scritti

 

 

Condividi questa pagina:
 
 

 Box ricerca interno

Google

VolainRete

     

---

 


 

Categorie del sito

Fai il pieno gratis