ranktrackr.net

 

       Perchè volare quando puoi navigare
Imposta VolainRete.it come pagina iniziale !Aggiungi questo sito ai preferiti

 

 

 Ti trovi su:  

Palmari & smartphone

sistemi operativi  processori  memoria  display  autonomia  porte e sincronia   tastiera  smartphone  conclusioni

pda  In questa pagina parleremo dei palmari o pda ( personal digital assistant ) sono dei mini pc che stanno sul palmo di una mano da cui il nome palmare (handheld in inglese). Mantenere sott’occhio i propri appuntamenti, gestire un elevatissimo numero di contatti con la rubrica, avere a disposizione un blocco note elettronico, inviare e ricevere posta elettronica, condividere gli archivi col PC tramite porta infrarossi, sono solo alcune delle caratteristiche che ci fanno apprezzare sempre più questo piccolo strumento. I palmari in senso stretto stanno subendo da qualche tempo un inesorabile declino dettato dal sempre più vivo interesse da parte dei consumatori e dei produttori, nei nuovi dispositivi "all-in-one" che integrano anche funzionalità telefoniche ed multimediali

 Sotto una piccola giuda per aiutarvi a scegliere il palmare più adatto hai vostri bisogni

sistemi operativi

  • Palm OS. E’ il formato più “antico” e su Internet si possono trovare migliaia di programmi, anche gratuiti per questo sistema operativo.(Ecco due siti per scaricare ottimo software per palmari palmgear.com ed freewarepalm.com)  Il linea di massima i palmari che lo adottano costano meno pur avendo una dotazione di software discreta soprattutto per quanto riguarda le funzioni PDA (agenda, rubrica…). Tra i suoi punti di forza: l’immediatezza d’uso, la potenza, la capacità di essere pienamente sfruttato anche da una persona non esperta di computer. Le funzioni di base comprendono Agenda, Rubrica, Impegni, Blocco Note, Calcolatrice, Spese, Posta elettronica. Il sistema operativo, grazie a Graffiti, può riconoscere la scrittura manuale (lettera per lettera). Buone le funzioni di sincronia con il pc.
  • Pocket PC (Windows Mobile). Essendo un prodotto Microsoft (evoluzione di Windows CE attualmente MicroSoft chiama questo so Windows Mobile ), integra versioni ridotte di Word ed Excel e quindi consente di lavorare direttamente su file creati dagli stessi programmi su pc. A sfavore dei palmari con questo sistema operativo va sicuramente la ridotta autonomia, causata dalle innumerevoli funzioni multimediali ed uso di processori più potenti ed a schermi che in genere sono a colori e più dispendiosi in fatto di energia. Costano mediamente di più essendo in effetti sono dei PC in miniatura che un PDA. Tutti i modelli i circolazione sono dotati di touch screen, hanno solitamente grandi capacità di espansione di memoria e ottime capacità multimediali (grazie al Media Player di Windows incluso nel sistema operativo si possono ascoltare mp3) che consentono di leggere libri in formato elettronico, ascoltare musica, guardare filmati, anche se questo è condizionato dalla memoria a disposizione e dalla potenza del processore. Le applicazioni di base comprendono, oltre a quelle citate, anche un browser, Microsoft Reader, un programma per la posta elettronica. Il sistema operativo riconosce la scrittura manuale. Buone la capacità di sincronia grazie ad ActiveSync.
  • Symbian (Epoc). Epoc è stato il primo grande sistema operativo per palmari, ma ora è schiacciato dai due concorrenti e sembra destinato a morte certa perché Psion, la società che lo ha lanciato, ha annunciato di non sviluppare più nuovi palmari  La società tra l’altro non è più rappresentata direttamente in Italia, anche se tramite il sito si possono comunque acquistare i prodotti. Dalle ceneri di Epoc è comunque nato Symbian, sistema operativo della omonima software house che sta sviluppando la piattaforma Epoc in modo autonomo puntando soprattutto sulla convergenza tra palmari e telefonia, tra gli azionisti di Symbian si vedono società come Nokia, Panasonic, Samsung, Sony Ericsson e Siemens. La dotazione di base di Epoc comprende word processor, foglio elettronico, rubrica, agenda, memorandum, database (applicazione potente e interessante), programma di grafica. Le funzioni di sincronia sono discrete. il suo punto di forza è la sua leggerezza: questo so è stato infatti progettato per operare su dispositivi dotati di quantitativi minimi di memoria.

Il processore
Se a un palmare si chiedono soltanto funzioni di PDA 33 MHz sono più che sufficienti per assicurare buone prestazioni al palmare. Per quanto riguarda i Pocket PC, la frequenza di clock deve essere di almeno 200 MHz per consentire accettabili prestazioni multimediali. Dal punto di vista dell'hardware, molti PDA si basano sull'architettura ARM, generalmente indicata con il marchio registrato Intel Xscale. Xscale è la quinta generazione dell'archiettura ARM, microprocessore di tipo RISC.

La memoria
Cominciamo dai Pocket PC, più avidi di memoria. L’ultima generazione di questi palmari dovrebbe avere almeno 16 MB di Flash ROM (la presenza di questa memoria è fondamentale per l’aggiornamento del sistema operativo) e altri 16 MB di RAM. Nella memoria flash risiede il sistema operativo e le applicazioni native del palmare. Nella memoria RAM si possono caricare dati e altre applicazioni. Per un utilizzo multimediale bisogna mettere in conto il raddoppio di questa memoria. E’ comunque importante che i palmari abbiamo slot di espansione per almeno uno degli standard di memoria più diffusi: MMC (MultiMedia Card), SD (Secure Digital) o CF (CompactFlash). Alcuni palmari usano Memory Stick, la tecnologia di espansione  di Sony.
I palmari con sistema operativo Palm OS sono meno avidi di memoria. Non tutti i modelli sono dotati di espansioni, ma per le esigenze di questo tipo di palmari non ha grande importanza la possibilità di espanderla. Per chi utilizza il palmare essenzialmente per le sue funzioni di PDA anche 2 MB di memoria sono sufficienti, anche se è meglio prendere in considerazione modelli con almeno 8 MB.

Il display
Qui c’è poco da dire: si potrebbe parlare di ampiezza, risoluzione, colori… ma ha davvero poco senso. Bisogna toccare con mano, evitando di acquistare un modello se prima non si ha avuto la possibilità di verificarne il display da un amico o dallo stesso venditore. Una volta accertato che le dimensioni siano soddisfacenti è importante controllare la visibilità dello schermo in ambiente molto luminoso e anche con luci molto basse. Non ci sono parametri di giudizio se non quelli, estremamente personali, di chi userà il prodotto.

Autonomia
Rispetto ai “vecchi” palmari le cui batterie potevano resistere anche un mese prima della ricarica, l’autonomia dei modelli attuali è molto scesa. Le indicazioni fornite dai produttori non sono molto affidabili, perché si riferiscono a condizioni di utilizzo che nella realtà non esistono. Se si parla di dieci giorni di autonomia è probabile che dimezzando questa cifra si arrivi vicino alla verità. Salvo casi particolari chi utilizza un palmare lo fa durante la giornata e la notte lo ricarica. Una dozzina d’ore di autonomia reale sono quindi più che sufficienti. In generale i sistemi PalmOs godono di maggiore autonomia rispetto ai PocketPC

Le porte e la sincronia
Più porte ha, meglio è. Gli infrarossi sono un buon optional, soprattutto per consentire al palmare di dialogare con notebook o cellulari. Indispensabile, oltre agli infrarossi una porta USB o RS232. Chi intende ascoltare la musica (nel caso dei Pocket PC) si accerti della presenza del jack audio, la connessione Blutooth, nonostante non sia una vera e propria porta consente di trasmettere e ricevere dati tramite onde radio. E’ una tecnologia più affidabile degli infrarossi ma meno diffusa.
Un altro aspetto da tenere in considerazione è quello della sincronia dei dati e del loro trasferimento da e per il pc. Tutti i palmari in circolazione oggi hanno buoni software di sincronia e trasferimento. Da questo punto di vista sono comunque vincenti i Pocket PC, almeno per chi ha Windows montato anche sul pc.


Internet e Telefonia
Un palmare comincia a diventare veramente utile, al di là delle sue funzioni di agenda, quando consente di navigare su Internet e scaricare la posta. Alcuni modelli lo fanno direttamente (quando hanno un telefono integrato), i più sfruttano la loro porta a infrarossi per allinearsi a un telefono cellulare e collegarsi così a Internet. Molto interessanti i palmari che sono a tutti gli effetti anche telefoni GSM a due o tre bande e GRPS. Costano ancora cari ma consentono di andare in giro con un solo apparato anziché avere in tasca il telefono e il palmare. Se poi le vostre esigenze non sono eccessive (es. agenda e/o ricezione mail) basta un telefono un pò evoluto non avrà le funzioni di uno smartphone ma se per voi andrà bene vi fara risparmiare parecchio.

Tastiera
Di solito assente nei PDA l'imput avviene tramite riconoscimento della scrittura tramite una speciale stilo, però anche se Touch screen e riconoscimento della scrittura manuale sono cose buone, chi ritiene di dover scrivere molto con un palmare è bene si accerti della possibilità di collegare al suo dispositivo una tastiera esterna.

Smartphone
E' difficile distinguere tra un palmare ed uno smartphone, spesso i concetti si sovrappongono, e le differenze oggi sono sempre meno evidenti. Volendo usare parole semplici possiamo dire che un palmare ha sostanzialmente un utilizzo da ufficio (documenti office, gestione dati personali, calcoli, utilizzo programmi) o multimediale (lettore MP3, riproduzione di filmati, visualizzazione di foto) e si avvale di connessione ad Internet tramite un cellulare abilitato o collegamento seriale/USB o wireless.
Da solo, insomma, non è generalmente in grado di connettersi ad Internet o di consentirci di comunicare con altre persone.
Uno smartphone, al contrario, nasce col concetto di connettività. E' sostanzialmente un cellulare con la possibilità di collegarsi ad Internet tramite rete GSM / GPRS / EDGE / UMTS e navigare siti Web o scaricare posta elettronica senza il bisogno di altre apparecchiature.
Generalmente non ha la versalità o la potenza di un palmare ma è meno ingombrante ed è facile trovarlo abbinato con una fotocamera digitale.
Questo non significa, però, che palmari con parte telefonica incorporata siano necessariamente degli smartphone. Possiamo dire che uno smartphone è di fatto un cellulare che offre le caratteristiche tipiche di un palmare, mantenendo come utilizzo principale l'uso telefonico.
Comunque, molti esperti sono concordi nell'affermare che gli smartphone saranno i palmari di domani.

In conclusione
I conclusione i sistemi basati su Palm OS risultano più economici rispetto al Pocket PC rendono meno dal punto multimediale ma possono vantare un maggior quantità di software spesso gratuito, le batterie durano di più ed richiedono processori meno potenti, i Pocket PC invece hanno più spiccate capacità multimediali hanno tutti lo schermo a colori ed una autonomia limitata. Valutate anche se uno smartphone (un telefono cellulare con funzioni di pda) faccia al caso vostro si vuole la comodità di usare un solo apparecchio anche se il prezzo in genere è molto caro.
Scelto il modello si tratta di acquistarlo. L'acquisto su internet di solito è vantaggioso per verificarlo usate un servizio di comparazione prezzi vi consiglio prima una lettura della pagina acquisti_on_line  Buoni prezzi si spuntano di solito anche nella grande distribuzione, ma in tutti i casi è bene accertarsi che il prodotto abbia il sistema operativo in italiano e che non sia quindi frutto di importazione parallela. La cosa non  è un problema grave, ma è bene saperlo, anche perché i prodotti non localizzati costano di solito meno. La tendenza attuale, è quella di far convergere tutto in un unico dispositivo. Sebbene siano numerosissimi i palmari intesi nell'accezione classica del termine, molti produttori stanno realizzando device sempre più compatti (anche a scapito degli schermi, un pò più ristretti rispetto ai classici PDA), utilizzabili anche come telefono GSM e per collegarsi ad Internet via GPRS (ma già si vedono le tecnologie EDGE e UMTS). Oggi gran parte dei dispositivi possono usati come navigatori GPS ( con antenna GPS interna o esterna ed collegata via Bluetooth) o come lettori di codici a barre (integrano una fotocamera digitale).

Se ancora siete indecisi quale sistema operativo sia utile alle vostre esigenze vi consiglio di istallare sul pc due emulatori di palmare in modo da provarli ed capire quello che fa il caso vostro:

PalmOS emulator     http://www.palmos.com/dev/tools/emulator/
PocketPC emulator http://msdn.microsoft.com/mobility/downloads/Emulator/default.aspx

Argomenti correlati: overclock_palmari virus palmari programmi_ppc
 

Condividi questa pagina:
 
 

 Box ricerca interno

Google

VolainRete

     

---

 


 

Categorie del sito

Fai il pieno gratis