ranktrackr.net

 

       Perchè volare quando puoi navigare
Imposta VolainRete.it come pagina iniziale !Aggiungi questo sito ai preferiti

 

 

 Ti trovi su:  

Poker online legale in Italia: di cosa si tratta?

Non appena il poker online ha cominciato ad incontrare una grande popolarità anche nel nostro Paese, AAMS – l’authority pubblica sui giochi – ha deciso di mettere mano all’intero settore creando quello che, di fatto, prende il nome di poker legale.

Dopo anni di vero e proprio far west, i Monopoli Statali hanno dunque deciso di imporre degli importanti paletti al gioco online arrivando a riconoscerlo come una disciplina come le altre nella legislazione italiana e, dunque, elevandolo ad una ben diversa importanza rispetto al passato.

Prima di tutto, la sicurezza

Per cercare di scacciare alcune delle maggiori paure di chi gioca online – truffe, uso non autorizzato delle carte di credito etc. – le pokerroom italiane che vogliono operare in maniera legale nel Paese e dunque non rischiare pesanti multe ed oscuramento dei propri siti, sono oggi obbligate a rispettare altissimi standard di sicurezza ed a collegare i propri server a quelli specificamente dedicati al poker online di proprietà dei Monopoli.

Questo, in sostanza, significa che ogni mano giocata ed ogni account creato viene attentamente analizzato da speciali softwares di proprietà del Ministero che ne conservano anche delle copie criptate in modo da garantire i giocatori in caso di controversie con le sale inserite nel circuito del poker AAMS.

Un grandissimo passo in avanti rispetto ad un passato nel quale non era richiesta alcuna garanzia per la sicurezza delle giocate ed in cui una poker room poteva essere gestita anche direttamente da un computer in garage.

Tasse e licenze

Sicurezza a parte, poi, uno dei motivi fondamentali che hanno spinto AAMS a creare il poker legale è stato quello di provare a capitalizzare la moda del poker online riuscendo a rimpinguare le casse dello Stato con nuove (ed enormi) entrate.

Tutte le sale da poker che vogliono operare in Italia, infatti, devono sottostare ad un preciso sistema di licenze che impone l’acquisto dei diritti per offrire gioco ai players italiani per una somma superiore ai 300.000€.

Licenza a parte, le pokerroom italiane sono anche obbligate a pagare delle tasse su ogni singola giocata con denaro vero e – se da una parte sembra esser stato proprio questo provvedimento la causa della fuga dall’Italia di alcuni prestigiosi marchi del Texas Hold’em online internazionale, dall’altra è riuscito a far salire l’introito dal gioco online negli ultimi due anni a cifre che hanno doppiato le già rosee previsioni del Ministero delle Finanze.

Come riconoscere una sala legale?

Giocare in una sala da poker legale non è difficile se si sa come cercarla. Anzitutto, il primo passo da fare una volta collegati ad un sito di poker, è quello di cercare il bollino di AAMS ed il numero della licenza perchè solamente le sale legali sono autorizzate ad esporlo nella propria homepage.

Poi, ancora più semplice, ci si può affidare a delle guide sul poker online come PokerListings.it che offrono recensioni esclusivamente di sale da poker AAMS evitando fin dal principio le cattive sorprese che possono derivare dall’essersi iscritti ad una sala che non rispetta le leggi italiane.

 

Texas Hold'Em Poker Heads Up: Game online

Il poker sportivo è divenuto popolare grazie al Texas Hold'Em, e qui giochi a poker alla versione "Heads up", cioè per due giocatori, con il "pot limit", cioè la puntata massima fissa! Clicca qui per scoprire le regole del poker, e le strategie d’applicare.
Istruzioni
Controllo completo tramite mouse
Gioca
 

Condividi questa pagina:
 
 

 Box ricerca interno

Google

VolainRete

     

---

 


 

Categorie del sito

Fai il pieno gratis